Il Territorio

Irpinia. Terra da sempre vocata alla vite.

Nel cuore dell’irpinia

La provincia di Avellino, conosciuta come Irpinia, si colloca nel cuore dell’Appennino Meridionale, e confina a nord con il Sannio, ad est con la Puglia e la Basilicata, a sud con la provincia di Salerno e ad ovest con quella di Napoli.

Zona ricca di colline e montagne, fiumi e laghi, con una bassa densità abitativa, conta circa 6.00 ettari vitati, con un quadro varietale molto composito; Aglianico, Fiano, Greco, Falanghina e Coda di Volpe sono i vitigni più diffusi.

In Irpinia si producono quattro DOP (Vini a Denominazione Protetta), di cui tre DOCG (Greco di Tufo; Fiano di Avellino; Taurasi) e una DOC (Irpinia).

Irpinia DOC

Taurasi DOCG

Greco di Tufo DOCG

Fiano di Avellino DOCG

Paternopoli

L’azienda Fonzone Caccese è situata a Paternopoli, uno dei diciassette comuni dell’areale della DOCG Taurasi, in provincia di Avellino.

L’azienda vanta oltre dodici ettari di Aglianico, dai quali si producono Irpinia Aglianico DOC, Irpinia DOC Campi Taurasini e, dalla porzione più alta del vigneto, Taurasi DOCG Riserva. Completano la superficie vitata della tenuta, inoltre, i vigneti di Fiano e Falanghina, destinati alla produzione di Irpinia DOC.

Il colle dove si estende la tenuta aziendale, poco fuori dal paese, si colloca nella sottozona “Campi Taurasini”, ed è circondato dai comuni di Villamaina, Castelfranci e Gesualdo, il cui castello è stato abitato proprio da un ramo della famiglia Caccese, dal 1856 al 1980.

I vigneti si estendono sui due versanti dell’altura, beneficiando di molteplici esposizioni e di un’altitudine che varia dai 360 m ai 430 m/slm. La collina comprende sia suoli argilloso – calcarei che suoli a tessiture più sciolte, di chiara origine sedimentaria, ed è circondata dai torrenti Fredane ed Ifalco, che ne influenzano nettamente il microclima.

Lapìo e Santa Paolina

Dai vigneti situati a Lapio e a Santa Paolina si producono rispettivamente le due DOCG Fiano di Avellino e Greco di Tufo.

Il vigneto di Fiano si trova in Contrada Arianiello, in una zona d’eccezione nell’areale: impiantate nel 2000 le viti godono di un’altitudine di 600 metri s.l.m. su terreni franco-argillosi. Le uve Greco sono allevate, invece, a 500 metri s.l.m., su terreni argilloso-sabbiosi in un vigneto impiantato nel 1995, esposto a sud-ovest.